Calcedonio Di Giovanni assolto dall’imputazione di bancarotta fraudolenta

Il Tribunale di Palermo ha assolto, con la formula “perché non hanno commesso il fatto”, l’imprenditore Calcedonio Di Giovanni, e Francesco Curti Gialdino, commissario liquidatore della Beton Sud, imputati di bancarotta fraudolenta. I due, nel 2016, secondo la Procura, avrebbero distrutto o nascosto le scritture contabili di una delle imprese di Di Giovanni. All’imprenditore lo scorso aprile è strato confiscato un patrimonio da 100 milioni di euro tra cui il villaggio turistico Kartibubbo, a Campobello di Mazara. La confisca è stata resa definitiva dalla Cassazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *