“Non vi è prova che l’eroina fosse loro”, assolti due canicattinesi

Il Tribunale di Palermo ha assolto, per non avere commesso il fatto, due fratelli di Canicattì imputati di detenzione di droga a fine di spaccio. Si tratta di Alessandro e Roberto Li Calzi, 32 e 42 anni, arrestati dai Carabinieri il 6 luglio del 2015 a Grotte alla sosta del pullman Palermo-Canicattì. A bordo del pullman, sotto i sedili, fu scoperto un involucro con dentro quasi 50 grammi di eroina. Ebbene, i difensori dei fratelli Li Calzi, gli avvocati Calogero Meli e Antonio Bordonaro, hanno sostenuto la tesi secondo cui non vi è prova che la droga fosse detenuta dai due imputati, per i quali, invece, la Procura ha invocato la condanna a 6 anni di reclusione ciascuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *