Falsi attestati sulla sicurezza nei luoghi lavoro, 20 indagati

Nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura di Termini Imerese e sostenuta dai Carabinieri vi sono 20 indagati, di, a vario titolo, truffa aggravata, falsità materiale, falsità ideologica, ed esercizio abusivo della professione di medico. Si tratterebbe di un vero e proprio commercio di attestati falsi, a beneficio di imprenditori, clienti e lavoratori, per dimostrare agli enti di vigilanza che le loro imprese sarebbero state inappuntabili sotto il profilo della sicurezza e della formazione nei luoghi di lavoro. Agli atti dell’inchiesta, che ha interessato in particolare Misilmeri e Ciminna, vi sono diverse centinaia di documenti contraffatti, 700 circa, sequestrati nella sede legale di una delle società coinvolte. Centinaia di lavoratori e datori di lavoro avrebbero svolto le loro mansioni sulla base di attestati falsi ottenuti in relazione a corsi mai frequentati, o frequentati in misura parziale o in maniera difforme in relazione a quanto previsto dalle specifiche norme. Sarebbe bastato versare al professionista compiacente, amministratore o presidente di un fantomatico ente non iscritto nell’apposito albo della Regione siciliana, la cifra prevista dal tariffario proposto ottenendo, in brevissimo tempo, un attestato apparentemente regolare. In diversi casi è stata accertata la sostituzione dei docenti abilitati, firmatari degli attestati, con altri non abilitati alla relativa formazione professionale. Il giro d’affari sarebbe stato di svariate centinaia di migliaia di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *