Tentato omicidio a Licata. Denunciato lo sparatore reo confesso

A Licata, in via Grangela, nei pressi del Municipio, alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi contro un imprenditore di 71 anni, ferito ad un braccio e trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso”. Non versa in gravi condizioni. Venti giorni di prognosi. Hanno indagato i Carabinieri, che sono giunti subito sul posto a seguito di una segnalazione di colpi d’arma da fuoco. Ebbene, il responsabile degli spari si è costituito spontaneamente alla Compagnia dei Carabinieri di Licata accompagnato dal suo avvocato di fiducia. E ha confessato di avere sparato, al culmine di una lite, quattro colpi di pistola contro il rivale, suo socio in un’attività di onoranze funebri a Licata. Si tratta di un imprenditore di 48 anni, di Licata, che ha consegnato anche la pistola utilizzata, un revolver calibro 22 illegalmente detenuto, oltre al relativo munizionamento. Il litigio sarebbe stato scatenato da alcune controversie economiche legate all’attività commerciale che i due gestiscono. Lo sparatore è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Agrigento per tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. L’arma e le munizioni sono state poste sotto sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *