“Esami truccati”, quattro condanne a Palermo

Al Tribunale di Palermo è stata emessa una sentenza con quattro condanne al processo frutto di un’inchiesta su esami presunti truccati per essere ufficiali di macchina e lavorare sulle navi mercantili. Il blitz scattò nel 2017. La Procura di Palermo, la Guardia di Finanza e la Capitaneria ritennero di avere scoperto, in una scuola marittima locale nei pressi del porto di Palermo, un giro di tangenti e favori. Pagando fino a mille euro i candidati avrebbero avuto la certezza di superare le prove indette dalla direzione marittima per ottenere l’abilitazione. I reati contestati sono abuso d’ufficio e corruzione. In abbreviato sono stati condannati Giovanni Paterna 5 anni e 4 mesi, Alessandra Schirò 1 anno e 6 mesi, Francesco Giuseppe D’Anniballe 2 anni, e Francesco De Santis 3 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *