A Catania già iniziato il post Pogliese, intanto Musumeci …

La condanna di Salvo Pogliese, in base alla Legge Severino, comporterà la sospensione dallo svolgere attività inerenti incarichi istituzionali per 18 mesi. In pratica le sue funzioni saranno esercitate dall’attuale vice sindaco, Roberto Bonaccorsi, assessore al Bilancio, persona nella quale Pogliese ha riposto grande fiducia personale e politica.
Ma oltre a provocare un terremoto al Comune di Catania, la sentenza sulle spese pazze all’Ars riapre i giochi per la corsa verso Palazzo d’Orleans. Da mesi, ormai, quello del sindaco di Catania era il nome su cui Fratelli d’Italia lavorava per tessere l’intesa fra i big del centrodestra con la convergenza di Lega e Forza Italia.
Pogliese intanto esprime pubblicamente il suo rammarico. “Non posso nascondere enorme amarezza e grande delusione per una sentenza che trovo assolutamente ingiusta. Ma da uomo delle istituzioni la devo accettare e rispettare. Nella mia vita mi sono sempre comportato da persona perbene e onesta interpretando i ruoli, che i catanesi e i siciliani mi hanno affidato, con grande generosità, passione e infinito amore per la mia terra e per la mia Catania a cui sono visceralmente legato. Lo stesso amore – aggiunge – che due anni fa mi ha portato a lasciare un prestigioso ruolo al parlamento europeo per servire la mia città (in dissesto e con 1.580.000 di euro di debiti ereditati ), con una contestuale decurtazione della mia indennità dell’80% e rinunziando alle tutele giuridiche che quel ruolo mi avrebbe garantito. L’ho fatto perché sono assolutamente certo della mia correttezza etica e morale”.
“Auspico che l’appello a questa ingiusta sentenza sia quanto prima – aggiunge Pogliese -, affinché possa finalmente trionfare la giustizia e si possa dare la giusta rivincita a chi da oltre trent’anni, insieme a tanti amici e simpatizzanti, è stato sempre in prima linea per i valori dell’etica e della morale pubblica”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *