Restrizioni colloqui, ancora in fermento anche le carceri siciliane

Ancora in fermento le carceri italiane a seguito delle restrizioni ai colloqui con i familiari imposte dal decreto Conte dello scorso 8 marzo. Al momento, da Milano a Palermo si contano 10 reclusi morti per overdose di psicofarmaci o soffocamento da fumo sprigionato dagli incendi, e decine di detenuti evasi a Foggia, di cui 23 tuttora ricercati. Poi, durante la notte nel carcere Cavadonna a Siracusa i detenuti hanno incendiato le lenzuola e hanno danneggiato diversi arredi. A Palermo al carcere Pagliarelli protestano dal mattino di oggi circa 400 detenuti del reparto sud. Nel frattempo è rientrata la protesta dei detenuti nel carcere Ucciardone di Palermo. Ancora nel frattempo, in alcune carceri, secondo quanto riferisce il sindacato Sappe, i direttori hanno permesso i colloqui di persona tra detenuti e familiari, ma alla distanza di due metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *