Riina in carcere con il telefonino cellulare?

A Palermo, innanzi alla Corte d’Assise d’Appello presieduta dal giudice Angelo Pellino, nell’ambito del processo di secondo grado sulla presunta “trattativa” tra Stato e mafia all’epoca delle stragi, ha deposto il giudice Andrea Calabria, il quale tra l’altro ha affermato che Totò Riina avrebbe avuto a sua disposizione un telefono cellulare durante la detenzione al 41 bis nel carcere di Rebibbia a Roma nel luglio del 1993. Calabria ha dichiarato: “Giunse una segnalazione riservata del ministero dell’Interno, credo proprio dal Capo dalla polizia, in cui si ipotizzava che, con l’ausilio di alcun agenti di polizia penitenziaria, a Rebibbia Riina avesse a disposizione un apparecchio per comunicare con l’esterno, un telefono o un telefonino. Sono stato poi io, successivamente, a chiedere il trasferimento di Riina in un altro carcere, a Firenze, ma il provvedimento fu stoppato in seguito da un altro magistrato, Francesco Di Maggio, vice capo del Dap, il Dipartimento di amministrazione penitenziaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *